Impianti raffinazione petrolio

Il petrolio grezzo, in fase d'estrazione, è sempre ricco di gas idrocarburi leggeri e spesso di idrogeno solforato. Il Metano non viene disperso ma raccolto e convogliato in tubazione per essere depurato e distribuito.

Le applicazioni riguardano le installazione in mare ed in terra.
Piattaforme ed impianti di perforazione , terminali di oleodotti, raffinerie, oleodotti e trasporto sia in fase di esplorazione che di produzione, serbatoi di stoccaggio, silos, tunnel, serbatoi, sono tutte zone a rischio di esplosione, H2S e deficienza d'ossigeno. I pericoli esistono come conseguenza di perdite attorno alle valvole e flange , vicino a lavori a caldo (saldature) nella pulizia e riparazione dei serbatoi.
Ruggine su grosse strutture d'acciaio significa una riduzione d'ossigeno, se in spazi confinati, senza possibilità di ricambio.

Gas presenti

Infiammabili: Sono ovviamente presenti più gas o vapori di liquidi infiammabili derivanti dalla tipica attività dell'impianto: la loro presenza in ambiente per un qualsiasi guasto o perdita accidentale, rende l'ambiente tra i più pericolosi per questo tipo di rischio.
idrogeno solforato (H2S): E' presente in grande quantità visto che accompagna il petrolio greggio in quanto frutto di decomposizione.
carenza d'ossigeno (O2): In tutti gli ambienti chiusi o per presenza di altri gas o per le limitate aerazioni peggiorate dalle particolari condizioni ambientali, si può verificare una deficienza di ossigeno.

Rischio atteso

Infiammabili: A concentrazioni rispetto al volume anche inferiori al LEL, esplode con minime fonti d'innesco con conseguenze spesso gravi per persone e cose.
H2S: Gas incolore, è contraddistinto dal caratteristico odore di uova marce. Un'esposizione a bassi livelli produce irritazione agli occhi ed alla gola, tosse, accelerazione del respiro e formazione di fluido nelle vie respiratorie. Ad alte concentrazioni uccide il nervo olfattivo rendendo impossibile la percezione del suo sgradevole odore e può causare incoscienza nell'arco di pochi minuti.
O2: Sia l'eccesso che la mancanza di ossigeno generano malesseri anche importanti, fino alla morte.

 PRODOTTI DA USARE  
Rilevazione infiammabili

TS292P
TS293P

Rilevazione H2S

TS220EH

Rilevazione O2

SE137EO
TS210EO
TS220EO
TS293EO

CPF Industriale
CPF Industriale
P.IVA 03131150173
via E.Fermi, 98 - 25064 Gussago (BS), Italy
Tel. 030.310461
Fax. 030.310465
info@cpfindustriale.it
CPF Industriale

CPF Industriale srl
P.IVA 03131150173
via E.Fermi, 98 - 25064 Gussago (BS), Italy
Tel. 030310461 - Fax 030310465
info@cpfindustriale.it

Tecnocontrol srl

Tecnocontrol srl
P.IVA 03543100170
via Miglioli, 47 - 20090 Segrate (MI), Italy
Tel. 0226922890 - Fax 022133734
info@tecnocontrol.it

Geca srl

Geca srl
P.IVA 03124320171
via E.Fermi, 98 - 25064 Gussago (BS), Italy
Tel. 0303730218 - Fax 0303730228
info@gecasrl.it

Geca srl



via E.Fermi, 98 - 25064 Gussago (BS), Italy
Tel. 0303730218 - Fax 0303730228
info@fagonline.com

Tecnocontrol srl
Tecnocontrol
P.IVA 03543100170
via Miglioli, 47 - 20090 Segrate (MI), Italy
Tel. 02.26922890
Fax. 02.2133734
info@tecnocontrol.it
Geca srl
Geca
P.IVA 03124320171
via E.Fermi, 98 - 25064 Gussago (BS), Italy
Tel. 030.3730218
Fax. 030.3730228
info@gecasrl.it
FAG


via E.Fermi, 98 - 25064 Gussago (BS), Italy
Tel. 030.3730218
Fax. 030.3730228
info@fagonline.com